Sull’antica strada reale che univa Angkor a Beng Mealea, si colloca lo Spean Praptos, ponte creato da Jayavarman VII, grande costruttore di ospedali, scuole e templi e nipote di Suryavarman II che creò Angkor Wat. Lungo 87 metri, largo 17 ed alto circa 14, presenta 21 campate e attraversa il fiume Chikreng, quasi completamente prosciugato (tra un paio di settimane arriverà la stagione dei monsoni e questo ponte tornerà ad avere il senso di superare un corso d’acqua dalle dimensioni rilevanti). Le rive del fiume nei pressi del ponte sono rivestite di blocchi di arenaria, per una lunghezza di circa 130 metri, le cui estremità presentano dei naga, guardiani a nove teste. Questo ponte è il meglio conservato tra quelli costruiti dal grande sovrano Jayavarman VII tra la fine del XII secolo e l’inizio del XIII, nello sforzo di unire i principali centri dell’Impero Khmer. Dai racconti scopriamo interessanti storie su guerre e schiavi scappati dalla costruzione di Angkor…

Passiamo alla ricerca della casa natale di POL POT nel villaggio di PREK SBAUV. Saloth Sar, noto come Pol Pot, è stato un politico e dittatore cambogiano, a capo dei guerriglieri rivoluzionari Khmer Rossi. Fu diretto ispiratore e responsabile della tortura e del massacro di circa un milione e mezzo di persone (compresi bambini, donne e anziani), a cui vanno aggiunti centinaia di migliaia di morti a causa del lavoro forzato, della malnutrizione e della scarsa assistenza medica. In totale, circa 1/3 della popolazione cambogiana perse la vita nel periodo tra il 1975 e il 1979 in quello che è noto come genocidio cambogiano. Abbiamo avuto molte difficoltà a trovare la sua casa, visto che molti qui tifano ancora per lui. Si trova in un villaggio di pescatori, Prek Sbauv. Incontriamo la nipote, che gli somiglia molto. I familiari non sapevano che lo zio era diventato Pol Pot, perchè era andato stato mandato dal padre in un monastero buddhista di Phnom Penh per un tirocinio religioso, e aveva cambiato identità. Solo dopo le elezioni si è venuti a conoscenza della vera storia e si è capito chi fosse in realtà. Persino la nipote era finita in un campo di lavoro per ragazzi!