Eccoci a visitare Kbal Spean, sito dell’era Angkoriana, alle pendici sudoccidentali delle colline di Kulen. Il suo nome deriva da un blocco di arenaria nel quale lo Stung (fiume) Kbal Spean ha scavato un ponte naturale nella sua discesa dalla Phnom (collina) Kbal Spean, che lo porta a congiungersi con lo Stung Siem Reap. Notiamo che sulle sponde del fiume, per circa 150 metri, sono presenti una serie di sculture scavate nella roccia, tra le quali i LINGAM, simboli del dio Shiva. Questo ha dato vita al nome sanscrito Sahasralinga ovvero, Fiume dei Mille Linga. Qui gli Indu venivano a studiare per diventare bramini, cioè membri della casta sacerdotale del Varṇaśrama dharma o Varṇa vyavastha, la tradizionale divisione in quattro caste della società induista.

Adesso, però, ci spostiamo all’interno della giungla con un altro mezzo: un motorino sgangherato!!! Qui visitiamo recenti ritrovamenti archeologici nel parco nazionale di PHNOM KULEN, situato sul massiccio montuoso nella provincia di Siem Reap, che ospita diverse e meravigliose attrazioni come ad esempio: la torre OPHONG, la grotta luogo di culto ARAM RONG, le fondamenta dell’antico tempio POENG TBAL, le 3 torri di KRABEI KRAP e molti altri siti. Si dice che a SRAH DAREI, ultimo sito di oggi, gli animali della giungla siano a difesa di un tempio misterioso, mai trovato….

Per scrupolo diamo anche un’occhiatina al tablet per vedere se il nostro mezzo è ancora dove l’abbiamo parcheggiato…