È tempo di ritornare verso casa e Yangon è la città dove terminerà il nostro viaggio. Prima di rientrare, però, visitiamo l’ultimo progetto dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, che permette ai giovani del luogo di specializzarsi in un lavoro e ridare fiducia al nuovo governo. La strada passa proprio nel cuore del territorio controllato dal gruppo etnico armato dei Karen. Dovete sapere che i Karen, così come molte altre etnie, sin dal 1948 si battono per ottenere un’autonomia amministrativa affinché il loro territorio non venga distrutto. Sfortunatamente, quasi ogni giorno, l’esercito oppressore entra nei villaggi, perpetrando violenze, massacri, stupri, bruciando le case e costringendo gli abitanti a fuggire dai villaggi. Tra il 1999 e il 2013 le vittime sono state più di 3000. Lungo la strada troviamo un posto di blocco da parte dell’Esercito di Liberazione Nazionale Karen e un soldato ci rilascia un’intervista, che parlando sottovoce sussurra parole di speranza per il futuro del Paese. È quasi sera e allestiamo l’ultimo CinemArena. Proiettiamo messaggi di solidarietà e chiudiamo la parentesi… Almeno per quanto riguarda questo viaggio!

Il lungo viaggio meraviglioso, ma anche travagliato, tra Thailandia, Malesia, Cambogia e Myanmar si è concluso. Paesaggi magici e indimenticabili, natura rigogliosa e millenaria, animali simpatici ma purtroppo in via d’estinzione; antichi regni e gloriose storie secolari; le tristi tragedie umane del genocidio cambogiano e della dittatura militare tirannica birmana; una profonda religiosità, una cultura meravigliosa dalle tradizioni importanti che riempiono ogni istante della vita; cibi dai mille sapori e colori (fatti anche di vermi, scorpioni e tarantole con una grattata di formaggio) ci hanno accompagnato in questa nostra spettacolare avventura.

Vi ringraziamo per averci seguito così numerosi e ci auguriamo di avervi con noi nel nostro prossimo viaggio che sarà difficile, misterioso e fuori dal comune! ?

Ci vediamo alla prossima spedizione amici di Overland!