Filippo e i ragazzi del team di #Overland17 passeranno la giornata a visitare le Similan Islands, che si trovano a 70 km dalla terraferma, composte da 9 isole caratterizzate da spiagge bianche, sabbia corallina e acqua cristallina. Questo è il posto ideale per poter fare un po’ di diving e snorkeling in quanto queste isole ospitano una grande varietà di fauna marina tra cui: pesci tropicali, pesci pappagallo, pesci pagliaccio, tartarughe, delfini e la possibilità di poter osservare specie rare. Similan è una parola yawi e malese che significa nove o un gruppo di nove isole. Nel 1982, questa area di 128 chilometri quadrati è stata dichiarata Parco Nazionale Marino, e negli ultimi anni questo gruppo di nove piccole isole sono diventate una delle attrazioni principali per i visitatori del sud della Thailandia e di Phuket. Per fortuna, con l’istituzione del Corpo Forestale Reale, la pesca entro i confini del Parco è stata vietata e ad oggi le imbarcazioni devono seguire delle precise e severe regole imposte dal personale del parco. Ad esempio non si “getta l’ancora”, ma si va alla ricerca di apposite boe che segnalano il punto di sosta adatto. Una delle caratteristiche più sorprendenti delle isole è la possibilità di trovare due tipi di ambienti diversi in un solo luogo: i pendii rocciosi delle isole occidentali e le spiagge di sabbia bianca di barriera corallina delle isole orientali.

Sarà impossibile dimenticare un posto meraviglioso come questo!